Giano Editore [0]

news

Offerta ebook - Il colpevole di Lisa Ballantyne a 1,99 euro

01.09.2014
Offerta ebook - Il colpevole di Lisa Ballantyne a 1,99 euro

OFFERTA - SOLO PER OGGI: Il colpevole di Lisa Ballantyne a 1,99 euro           IL GRUPPO NERI POZZA TI OFFRE LA POSSIBILITA' DI ACQUISTARE GLI...

Da oggi acquista gli ebook Neri Pozza e Giano dal sito

20.12.2013
Da oggi acquista gli ebook Neri Pozza e Giano dal sito

        DA OGGI IL GRUPPO NERI POZZA TI OFFRE LA POSSIBILITA' DI ACQUISTARE GLI  EBOOK  DELLA CASA EDITRICE DIRETTAMENTE DAL SITO   VAI SU...

Jakob Melander al Festival del Giallo di Cosenza

17.10.2013
Jakob Melander al Festival del Giallo di Cosenza

Jakob Melander ospite del Festival del Giallo di Cosenza presenterà al pubblico il suo libro Nei tuoi occhi         sabato 19 ottobre alle ore...

cerca un libro

newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter, sarete sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e pubblicazioni.




 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Scheda libro

I best seller Giano Editore

ritorna

La vita facile

Autore: Richard Price
Richard Price

Titolo: La vita facile

collana: Blugiano

ISBN 978-88-625-1024-0
Pagine 512
Euro 19,00
Collana: Blugiano

Eric possiede quanto di peggio un trentacinquenne possa avere: un po’ di talento e qualche abilità. Prima di arrivare al Lower East Side, il quartiere un tempo per eccellenza ebraico di New York, ma dove ora le sinagoghe e i negozi di matzo sono accerchiati da rivendite di falafel, sex shop, iglesias, negozi di patacche bollywoodiane e altre cianfrusaglie di una metropoli globale, Eric ha recitato da protagonista in una produzione underground e ha pubblicato un racconto su una rivista letteraria ormai defunta. Ma sono passati quasi dieci anni da allora e il suo sogno di una vita facile e segnata dal successo è andato definitivamente a farsi benedire.
Eric ora campicchia scrivendo sceneggiature su commissione e dirigendo il Berkmann, sedie laccate di vimini, piastrelle lucide bianco sporco, vetri industriali reticolati e specchi appena disargentati, insomma «un ristorante travestito da teatro travestito da nostalgia».
Una notte, però, la sua esistenza muta radicalmente. Eric se ne va in giro per bar con Ike, il barista appena arrivato al Berkmann, un tipo anche lui con delle velleità artistiche, e un amico di Ike, un certo Steve. Quando i tre escono dall’ultimo locale diretti all’appartamento di Steve, due tizi, un nero e un ispanico, sbucano fuori dal buio e, pistola in pugno, gli intimano di tirar fuori i quattrini.
Eric gli allunga subito il suo portafogli, Steve, ubriaco fradicio, si affloscia sul marciapiede e Ike  fa un passo in avanti come per battersi.
Si sente un pop, un semplice pop, il colpo di una calibro 22, una pistola da dilettanti, da tossici all’ultimo stadio, e anche Ike si riversa sul marciapiede.
Questo è, almeno, quello che Eric Cash racconta agli agenti subito accorsi sulla scena del crimine.

Ma Matty Clark, detective  irlandese dalla mascellona squadrata, i capelli biondo-rossicci e il fisico di un difensore di football liceale un po’ avanti con gli anni, raccoglie tutt’altra versione dei fatti.
Due ragazzi, lui bianco lei nera, che hanno incrociato i tre subito dopo lo sparo, sostengono di non aver visto nessun aggressore, solo Eric che correva con un oggetto metallico in una mano verso il palazzo adiacente. Un telefono o una pistola?
La vita facile comincia con un omicidio e si conclude con l’arresto e la confessione del colpevole. Il libro di Richard Price è però soltanto in apparenza un romanzo criminale. In realtà è un grande romanzo sociale sulla New York del XXI secolo, una città in cui ogni singola esistenza sembra chiusa nel proprio precario equilibrio e incrocia quelle altrui solo nella forma del caos e dello «scontro tra culture», tra «poliziotti e cittadini, aspiranti artisti, colletti blu schiavi di uno stipendio e ragazzi di quartiere» (New York Times)

ordinabile a IBS

«Finalmente il romanzo sulla New York del XXI secolo che stavamo aspettando».
Gary Shteyngart

«Con La vita facile Richard Price è diventato il nostro Balzac post-moderno… Spero proprio che i nostri nipoti lo leggeranno un giorno per capire che cos’era veramente quest’inizio del XXI secolo».
Russell Banks

«Nessuno scrive dialoghi migliori di quelli di Richard Price – nessuno, nemmeno Elmore Leonard, David Mamet o David Chase… Un grande romanzo che si snoda lentamente per mostrare lo scontro tra culture – tra polizia e cittadini, aspiranti artisti, colletti blu schiavi di uno stipendio e ragazzi di quartiere – mentre delinea ambizioni, risentimenti e calamità familiari di personaggi memorabili».
New York Times

 «Richard Price è il più grande scrittore di dialoghi che l’America abbia mai prodotto. Ironico, divertente e tragico, La vita facile è il suo capolavoro. Dubito che qualcuno potrà scrivere un romanzo così buono per un lungo, lunghissimo tempo».
Dennis Lehane

«La commedia umana di un Balzac newyorchese… Dramma del caos urbano in forma di poliziesco, La vita facile è il perfetto romanzo della New York d’oggi».
D-la Repubblica

l'autore

Richard Price

Richard Price

Richard Price, 58 anni, ha pubblicato il suo primo libro, The Wanderers, ambientato nel Bronx, quando ne aveva appena 24 e aveva appena finito gli studi universitari - dai quali, dice, è uscito ancora più «un tipo di strada» e  «da Bronx» di prima  – e il master alla Columbia, dove i suoi...

dello stesso autore:


Richard Price

Richard Price

Richard Price, 58 anni, ha pubblicato il suo primo libro, The Wanderers, ambientato nel Bronx, quando ne aveva appena 24 e aveva appena finito gli studi universitari - dai quali, dice, è uscito ancora più «un tipo di strada» e  «da Bronx» di prima  – e il master alla Columbia, dove i suoi...

dello stesso autore: